Pantaloni chino da uomo: tutto ciò che c’è da sapere

Casual, comodi, da indossare in tantissime e diverse occasioni: tra i modelli di pantaloni da uomo più amati c’è senza ombra di dubbio il chino.

 

Pantaloni chino: il must have versatile 

Solitamente questo modello da uomo è proposto in cotone, ma vengono apprezzati anche i modelli in denim. La pesantezza scelta del tessuto definisce la stagionalità del pantalone che può essere indossato, quindi, durante tutto l’anno.

Lo stile di questo pantalone è essenzialmente casual, ma anche molto versatile: può essere indossato sia di giorno, che la sera, in occasioni eleganti o durante eventi informali.

Il carattere poliedrico del chino è così deciso che potrebbe spaventare: con cosa lo indosso? Polo o camicia? Ginnica o scarpa stringata? Sta bene con una giacca? La risposta è che il chino sta bene con – quasi – tutto.

 

Occasioni d’uso per i chino da uomo

Il bello di questo modello di pantaloni è che copre diverse occasioni d’uso. Addirittura, c’è chi lo indossa per un matrimonio in cui non è richiesto un particolare dress code. Con una camicia, una giacca elegante e delle scarpe stringate in pelle ti farà fare una bellissima figura! 

La maggior parte delle volte viene indossato durante la quotidianità: di giorno, per andare a lavorare, all’ora dell’aperitivo, per una cena di lavoro o con gli amici.

La vestibilità estremamente comoda di questo modello lo rende ideale per essere indossato da mattina a sera, senza stancarsene mai. 

Ti diamo un consiglio: gioca con la versatilità di questo pantalone! Durante le stagioni calde esci di casa la mattina abbinando ai chino una camicia e ricorda di mettere una polo o una t-shirt nella borsa o nello zaino da lavoro da vestire all’orario dell’aperitivo per sentirti più comodo; durante l’autunno e l’inverno, invece, indossa questo modello con una camicia e un maglione leggero, ma ricordati di portare sempre con te una giacca da esibire per un invito a cena last minute!

 

Chino da uomo: Come abbinare i colori 

Troverete una grande varietà di nuances disponibili. Le più amate sono senza dubbio quelle più abbinabili e perciò i tinta unita scuri per le stagioni più fredde e chiari per la primavera e l’estate. Per gli abbinamenti tenete in considerazione il fatto che se osate con colori vivaci sopra, assicuratevi che i chinos siano a tinta unita, e viceversa.

 

Le origini del chino 

Ed ora che sai tutto sui chinos facciamo un piccolo tuffo nel passato per scoprire dove sono nati. Storia, o leggenda,  vuole che i chinos siano nati in ambito militare nel diciannovesimo secolo e solo successivamente sono passati ad essere un capo della moda maschile presente nell’armadio di quasi tutti gli uomini.

Si racconta che i primi chinos siano stati quelli color kaki, voluti con questa tonalità da un ufficiale dell’esercito inglese per nascondere la polvere sui pantaloni bianchi. Da allora il chino è stato adottato negli Stati Uniti sempre come uniforme dell’esercito, data la sua praticità. Da lì a poco, e siamo agli inizi del 1900, i chinos sono arrivati anche tra i civili, tra le icone del cinema come Steve Mc Queen.